Reality, sciò!

Secondo me il mondo della televisione avrebbe bisogno di una rinfrescata. Fulminato da questa intuizione mentre scendevo dall’auto (o forse stavo prendevo la scossa toccando la portiera), ho deciso che da grande sarò un autore televisivo e ho quindi buttato giù (dal balcone) alcune idee che sarebbero redditizie perché tanto la gente vuole solo vedere altra gente che si rende ridicola dietro una telecamera. Pertanto, queste che seguono sono delle proposte per dei Reality, sciò! che le grandi e pure le piccole emittenti, dimostrando scarsa lungimiranza, hanno invece purtroppo scartato. Spero in un prossimo futuro di veder invece realizzati questi programmi.

Uomini e Gomme
Il trono di preferito dalle automobiliste è conteso da degli abili gommisti, cui si rivolgeranno delle casalinghe disperate e appiedate da forature improvvise. Tra i belli della prima stagione troviamo Ciro o’ malament e Masto (trad. padrone, capo) Michele, che all’età di 70anni fuma ancora il sigaro come quando aveva 10 anni.

La palpa
Un gruppo di concorrenti viaggerà tutti i giorni sugli autobus urbani nelle ore di punta. Tra di loro si nasconde un doppiogiochista: un maniaco che fingendosi normale passeggero sale invece sui mezzi per toccare sederi femminili di nascosto. Scopo del gioco è individuare la talpa, cioè il palpeggiatore, menarlo di botte ed esporlo seminudo al pubblico ludibrio e alle deiezioni dei piccioni in piazza.

Il Grande Fardello
Chiusi in una cava di marmo (la famosa cava del Grande Fardello), 10 concorrenti sposteranno dei lastroni di marmo unicamente con la forza delle proprie braccia, 10 ore al giorno sabato e domeniche comprese. I partecipanti potranno nominare altri concorrenti da eliminare e sarà il pubblico a decidere quali: chi riceve i voti negativi, dovrà portare anche le lastre di marmo dei concorrenti dai quali è stato nominato, finché non stramazza al suolo. Vince chi resta vivo.

Ah! Mici!
I più bei micioni e gattini d’Italia si sfidano in gare di miagolii, giochi col gomitolo e tanto altro ancora, sotto l’occhio vigile e attento di Maria de Filippi.
Purtroppo il talent sciò non è mai partito perché è impossibile far fare a un gatto qualcosa a comando.

I partecipanti della prima edizione di Ah! Mici! che appena dopo la presentazione del programma si sono acciambellati e hanno dormito una 50ina di ore.

Italia’s Goat Talent
Tre pastori fungono da giudici per esaminare le performance delle migliori caprette nostrane. La trasmissione non andrà mai in onda perché il pubblico in studio si lamenta della puzza. Dei pastori.

L’isola dei fallosi
Chi sono i vip più gettonati? I calciatori! Quindi perché non un reality su giocatori ormai sul viale del tramonto o dimenticati, ma diventati famosi per la loro capacità nel centrare le gambe avversarie invece del pallone? Sull’isola dei fallosi i più abili (?) macellai dei campi da gioco si cimenteranno in varie prove, sempre a tema calcistico. Vince chi prende meno cartellini dall’arbitro. Il gioco è stato bocciato perché giudicato di scarsa longevità: dopo un quarto d’ora sarebbero già tutti quanti espulsi.

L’olandese De Jong, uno dei possibili candidati all’Isola dei Fallosi

La pula e il secchione
Un gruppo di nerd deve riuscire a conquistare la simpatia dei poliziotti durante un G8, convincendoli a posare i manganelli per prendere in mano dei libri ed erudirsi. Dal canto loro, i secchioni dovranno evitare di peggiorare le loro già scarse condizioni fisiche sfuggendo a cariche, manganellate e pestaggi.

X Tractor
Ambientato nelle campagne della bassa-alta Val Pusterlenga di Vergate sul Membro, dei nullafacenti che si credono artisti verranno inseriti in un progetto di recupero intitolato “Braccia riportate all’agricoltura”. Il tutto si è arenato a causa di un incidente con Morgan, che, fatto di crack, si è voluto mettere alla guida di un trattore.

Annunci

Come sta il colon di Pattinson?

No, non sono impazzito. Devo solo ringraziare le statistiche di ricerca del mio blog. Ultimamente i miei visitatori non hanno la fantasia di una volta (vedere il post geroglifici che trombano dello scorso agosto), però regalano sempre soddisfazioni. Che dire di quella/o che vuol sapere degli esami rettali del protagonista di Twilight?
ImmagineSiccome io sono un inguaribile ingenuo e un impenitente ottimista, mi auguro che in realtà volesse definire Pattinson simpatico come una colonscopia. Ditemi che è così.

Ma bando alle ciance e ciancio alle bande, è il momento di parlare di un problema serio.
ImmagineAllora, gente: la rasatura, si sa, è un’operazione delicata. Ancor di più quando riguarda le parti intime! Ogni anno centinaia di fighe muoiono perché vittime di rasature effettuate in modo approssimativo o da mani inesperte. E l’individuo che inserisce su Google una tale chiave di ricerca evidentemente lo sa. Diffondi il verbo, salva queste povere donne.

Per restare in argomento, veniamo a questo:
ImmagineCredo sia una vecchia conoscenza, mi sa che già mesi fa mi capitò. Lo riconosco dallo stile sgrammaticato. Ecco, se dopo tutto questo tempo non l’ha ancora scoperto, io mi porrei delle domande. In ogni caso, per rispondere alla questione su come sia fatta: somiglia un po’ a Giuliano Ferrara, però visto di profilo. Contento?

Velocemente, commentiamo il resto:
gli uomini non si avvicinano – Perché non ti lavi
cose che fanno ridere – I telegiornali
birra e figa – Che dio le benediga
svolgimento di un tema per le elementari mi trovavo alla stazione ferroviaria della mia città la notte di natale – quando all’improvviso mi hanno rapito e mi sono risvegliato in un fosso tutto bagnato e senza un rene.
babbo natale da soprammobile in tessuto – È di una sciccheria unica, credimi
chi ha operato morgan alle corde vocali? – Uno che ha dimenticato di operargli il cervello
ragazze che mena la figa – Non menar la figa per l’aia
figa di fuori – No, meglio quella del proprio paese
buona fine e buon principio – Anche a te

Morgan, salvati da te stesso

Chi ha assistito alla diretta di Raiperunanotte ha assistito anche agli interventi di un Morgan non molto lucido, recentemente operato alle corde vocali, preso dal suo protagonismo e scazzato dall’intervento di un disturbatore tra il pubblico.

Ecco il video del primo intervento

Non è molto chiaro il discorso dove voleva farlo finire, ha provato ad impostare un parallelismo con Berlusconi citando Dante (A vizio di lussuria fu sì rotta, che libito fé licito in sua legge, per tòrre il biasmo in che era condotta), poi mentre parla qualcuno contesta e si scazza e finisce tutto a schifio. Anche la performance musicale è da dimenticare perchè suonava per conto suo e Venditti, intervenuto in veste di moderatore per riportarlo negli argini della trasmissione (il cantanta adda cantà = e statte zitto, chiudi quella bocca), è palesemente spiazzato. Si esibisce anche come controvoce, sforzando come non dovrebbe le corde vocali appena operate.

Il video in cui poi è successivamente ritornato in scena

Interrompe Iacona e ritorna in scena, polemico: Ecco, già, io sono stato contestato… La cosa è molto interessante. Perché… a me interessa, non so sinceramente… Non so sinceramente se sono completamente fuori io (sei tu che sei proprio fuori, mi spiace dirtelo) o se voi non siete ad un livello di verità.
Non siete ad un livello di verità, probabilmente ce l’aveva col fatto di esser stato contestato ed interrotto, infatti, poco dopo mentre tenta di riprendere il filo (nel caso esistesse un filo!)  del suo discorso, si sente di nuovo il contestatore:
L’Italia è rovinata (riecco il disturbatore).
Ecco (indica la direzione dalla quale arriva la voce) è strano questo, è strano, è molto strano. Comunque… Io penso che se Michele Santoro mi ha invitato, io posso esprimere la mia opinione
Penso che con questo è strano si riferisse al fatto che in una trasmissione in cui si parla della libertà di informazione viene contestato chi esprime una opinione. Non aveva tutti i torti, effettivamente.
Però lui stesso ha interrotto Iacona che non ha potuto poi completare il suo intervento (intervento sicuramente più chiaro e lineare!).
Alla fine, un po’ costretto da Santoro che lo voleva palesemente fuori dai piedi, ha concluso:
Il mio pensiero è: coraggio, spirito critico e riempire un vuoto culturale, culturale, culturale
Anche in questo caso non ha tutti i torti, ma nel contesto in cui si trovava dove era palesemente fuori posto ed in stato confusionale il messaggio penso difficilmente sia passato.
Morgan deve un attimo ricucire se stesso e salvarsi, ma non dal crack, ma dal suo Ego (che nuoce più del crack che si fuma). Ieri non era in condizioni di partecipare, prima di tutto per il suo stato post operatorio; eppure, vittima dell’ansia di doverci essere, dal desiderio di non perdersi quell’occasione per stare in scena si è presentato lo stesso, ha provato la perla culturale ma l’ha giocata molto male ed il pubblico non l’ha capita, si è buttato sul pianoforte per fare sfoggio di estro ma anche questa è stata una caduta di stile. Non pago, ha fatto lo scivolone finale: quando è fatta è fatta, inutile recuperare. Ma lui è rientrato in scena tentando di riprendere per i capelli il suo intervento, non riuscendoci comunque.