Non è che se sei nella fase R.E.M. tu non possa ascoltare altri gruppi musicali

Noi come persone siamo la somma delle nostre esperienze.

Ogni tanto, però, qualche sottrazione non farebbe male. Lasciamo perdere le divisioni perché ho sempre qualche problema col resto: ciò che resta dopo un’esperienza non corrisponde mai al risultato atteso.

Atteniamoci all’eliminare qualche tassello, rimuovere qualche vecchia traccia sul nastro della memoria.

Oppure anche cancellare sequenze oniriche notturne che durante il giorno si ripropongono come il sapore dei peperoni.

Durante questa settimana per tre notti di fila ho fatto tre sogni particolari, dal contenuto indiano: con-turbante.

Notte 1: ero con la ex, che per descriverla meglio caratterialmente invito a immaginarla come Monica di Friends.


Qualcuno potrebbe dire: “Ah, Monica! Era simpatica!”.
No, Monica non era simpatica. Era petulante, pignola e competitiva. Una donna odiosa.
Io ero simpaticamente affezionato a Phoebe, perché era fricchettona e svampita.


Nel sogno, stavamo litigando.
Ciò è perfettamente aderente a quella che è stata la realtà durante i mesi passati insieme: immaginate di svegliarvi ogni mattina e volervi fare il segno della croce per prepararvi alla prossima possibile tragedia che potrebbe verificarsi durante la giornata, ma essendo passato troppo tempo dall’ultima volta che vi siete fatti il segno della croce non riuscite a far di meglio che grattarvi il sedere sperando che sia un gesto apotropaico.


Conscio dei miei problemi religiosi forse come donna dovrei cercarmi una Miss-credente.


A un certo punto il litigio si placa: lei mi salta addosso, io le metto le mani dove capita e cominciamo a fare quello che facciamo un po’ tutti e che lasciamo regolamentare a uomini che fanno voto di non farlo perché troppo occupati a comprare attici.

Nel compiere tali atti, nella mia mente – la mente del sogno: ma se il sogno è un prodotto della mente, la mente nel sogno è un prodotto del sogno o della mente che sogna la mente? – pensavo che il tutto fosse profondamente sbagliato: ci stavamo giusto insultando poco prima! Eppure siamo andati avanti senza smettere.

Il rammentare tale sogno mi ha profondamente turbato durante la giornata.

Notte 2: Sogno di tornare a casa e trovare nella stanza da letto dei miei genitori la badante dei miei nonni, quella che è fissata col mio sgnakku e mi tende gli agguati.


Non è una metafora oscena: è appassionata di astrologia e in ucraino “segno” si dice “znak” o qualcosa di simile.


L’unica differenza è che aveva le sembianze di Sharon Stone. Non quella attuale, diciamo versione Basic Instinct.
Com’è come non è si finisce a fare le cose già accennate in precedenza.

Il sogno non mi ha turbato ma mi ha lasciato un interrogativo: perché Sharon Stone?

Notte 3: Sto passeggiando con la ex al quadrato (ex ex). E sto pensando (sempre nella mente del sogno) che sia proprio una fortunata combinazione averla incontrata. “Peccato che sia impegnata”, penso.

Poi ho un’illuminazione: lei crede di essere impegnata, in realtà è single ma non lo sa. Per rispetto, però, non glielo farò notare e aspetterò che lo capisca da sola.

Nel frattempo, camminando camminando arriviamo in un supermercato: perché non entrare? È un magnifico posto dove passare il tempo!

A un certo punto tra uno scaffale di sottoli e sottaciuti (perché non nominati) lei dice qualcosa che suona profondamente acido: io ne rimango scosso, chiedendomi quand’è che fosse diventata così sprezzante. Mi allontano, offeso. Poi ci rifletto su e mi dico che una volta tanto non devo rovinare tutto, smettendola di essere permaloso.

Questo sogno mi ha turbato perché non so cosa sia successo dopo.

E anche questo post mi turba perché non so come concluderlo.

Voi non vi sentite mai turbati dai sogni, ammesso che li ricordiate al mattino e non li dimentichiate perché spesso appena suona la sveglia saltate giù dal letto come soldati e ciò equivale a un azzeramento della memoria da quel momento in poi?

Annunci

28 Pensieri su &Idquo;Non è che se sei nella fase R.E.M. tu non possa ascoltare altri gruppi musicali

  1. I Mei genitori mi conferiscono l’oscar onirico ogni anno sono lunghi complicati spesso con quella logica assurda che quando ci pensi ti chiedi ma perché mi lavavo i denti con il sugo dell arrosto e mi sembrava normale?

    Mi piace

  2. Sono settimane che sogno di lavorare, dopo ovviamente aver lavorato tutto il giorno….ciò non fa altro che aumentare il mio stress, già abbastanza al limite perché non sono per niente felice del lavoro…

    Mi piace

    • Secondo me dato che i sogni sono influenzati da quelli che sono i pensieri più incisivi durante la giornata, lo stress che accumuli è tale o comunque rimugini molto sull’argomento che i sogni poi sono tutti sullo stesso tema…

      Mi piace

  3. Comincio col ribadire anche qui che io le sottrazioni le ho fatte, e son diventatata anche brava a farle, ho sottratto e sottraggo alla mia vita persone (le chiamo così perchè chiamarle pezze di merda pare brutto). Detto ciò….

    … io sogno e faccio sogni di due tipi, quelli tipo film cassetta di natale, che dopo averli visti, manco ti ricordi di che parlano, hai in mente solo certe scene e poi tipo film d’autore.

    Quelli d’autore son quelli che ti svegli con l’emozione vissuta tra le mani, e non sempre è piacevole. Te la trovi palpitante tra i palmi per tutta la giornata e solo andando verso sera man mano scema. Sonq uelli che ti fanno pensare e revisionarti come uno scanner, son quelli che spesso ti fanno dire, forse non ho ancora risolto o forse sto cercadno di dirmi qualcosa.

    Meno male che per sera si son sciolti, altrimenti non posso aver spazio per i sogni ad occhi aperti che faccio 🙂

    Mi piace

    • Anche io sogno a occhi aperti ma non ne sono soddisfatto.
      Solo che partono in automatico, tipo come quando stai guardando un bel film e sei concentrato sulla visione e all’improvviso parte la pubblicità…ecco, i miei sogni sono la pubblicità della realtà.

      Liked by 1 persona

  4. io non riesco a ricordare i sogni… e non scendo dal letto come un soldatino ma il rantolamento e la caduta dal letto durano circa mezz’ora… eppure non ricordo mai nulla… probabilmente anche in sogno non faccio nulla di interessante…

    Mi piace

  5. Intanto: io non mi alzo come un soldato, ci vuole una gru per tirarmi giù dal letto. Non ricordo praticamente mai nulla e devo dire che ultimamente sogno anche pochissimo.
    Ultimo ma non ultimo: sono arrivato in fondo al post e noooooooooooooooooo, delusione! Speravo che tra i sottoli e i sottaciuti si consumasse una profonda commistione di corpi!
    E allora la domanda è: perchè con la ex sì e con la ex al quadrato no? Freud ci può aiutare in questo? Prova a fargli un colpo di telefono!

    Mi piace

  6. Io non ricordo mai i miei sogni, seppur non salti giù dal letto come un soldato, ma piuttosto come un anziano (rimango tra le lenzuola per almeno un’ora, prima di assaggiare l’aria).
    Penso che sogno abbastanza ad occhi aperti per non godere dei miei incubi notturni. Comunque i tuoi sogni a luci rosse rimandano spesso a tue ex. Com’è che hai conosciuto la Sharon?

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...