Vita di C.

Oggi ho saputo che C. è venuta a mancare.
Eravamo stati compagni di classe alle elementari ma poi non ci siamo più visti per 20 anni quasi. Posso dire che in realtà non ci conoscevamo. Eravamo in contatto su facebook ma credo non abbiamo mai scambiato due parole. È uno di quei casi in cui ci si scambia i contatti in nome di un denominatore comune, nel caso specifico la scuola (tra l’altro ricordo era il motivo per cui fb veniva propagandato: recuperare ex compagni), ma poi si è in realtà dei perfetti sconosciuti. Com’è naturale, dall’infanzia all’età adulta si cambia, si diventa altre persone. Anche io che dico in giro di non essere mai cresciuto, in fondo son cambiato.

Quando mia madre mi ha detto che le avevano riferito questa tragica notizia, ho pensato di verificare. Capita che vox populi dia per scomparse persone vive e vegete.
L’unico modo che ho trovato per avere conferma era controllare la pagina facebook di C.. Ho letto i messaggi dei suoi amici e lì è diventato, purtroppo, tutto ufficiale.
A pensarci è agghiacciante, in effetti. Una cosa è vera se compare su internet. Sogno uno scenario apocalittico in cui un bel giorno internet si spenga all’improvviso. So che è impossibile, ma immagino un collasso globale, chiedendomi che farebbero le persone. Secondo me sarebbe paragonabile a uno scenario post nucleare, con gente che brancola persa e che si uccide per la sopravvivenza.

L’altra cosa assurda di cui non mi capacito è che giusto ieri avevo pensato a C..
Per caso, stavo ripensando per non ricordo quale motivo alla mia infanzia. Riflettevo sul fatto che essendo io nato a febbraio, mi sono iscritto in prima elementare a settembre all’età di 5 anni per non dover perdere un anno per aspettare i 6 compiuti. Il risultato di ciò è che ero visivamente piccolino rispetto agli altri bambini. Un gap fisico e mentale che mi son portato dietro per anni.
Cosa c’entrava C.? C’entrava perché intorno la seconda (o forse terza) elementare, cominciò a piacermi. Si sa come funzionano queste cose a quell’età, si confessa la cosa al proprio amico, che la dice a un altro che la dice alla compagna di banco femmina che lo dice poi alla diretta interessata. E tutto questo all’interno della stessa classe, pensate se fosse stata un’altra sezione che giro di passaparola si sarebbe dovuto fare.
La diretta interessata poi disse alla compagna che disse al compagno di banco che disse al mio amico testuali parole: “Pfui! Quello mi arriva qua (indicando con la mano all’altezza della spalla più o meno)”.
Che cattiveria. I bambini son malvagi. Voi li immaginate tutti bellini angelici ecc., invece sono diabolici.
E poi non ero così basso né lei era una gigantessa. Credo le arrivassi al naso.

Non conosco bene i dettagli della sua scomparsa, ho saputo qualcosa ma preferisco non approfondire né riportare qui. Mi sembra di andare a rimestare come un giornalista di Studio Aperto. Come rallentare in autostrada gettando lo sguardo all’incidente.

Avrei altre considerazioni da fare, su internet, la vita, la morte, ma preferisco rimandare e, per una volta, tacere.

Annunci

6 Pensieri su &Idquo;Vita di C.

  1. Mi addolora la scomparsa della tua compagna, è un pò come perdere un tassello del passato. Restano i ricordi, comprese le battutine sull’altezza, quelle cattiverie da sorriso che, forse, vorremo rivivere per sempre. Ho perso una cara amica, lo scorso aprile, tornata da un compleanno sono stata avvisata con un sms… Penso a lei di continuo, a modo mio le ho regalato l’eternità. Buon fine settimana.

    Mi piace

  2. Non metto like. Non lo faccio perché anche a me in questi anni e capitato tante, troppe volte di perdere qualcuno. Persone care, amici, che da un momento all’altro sono andati via. Questo commento non serve a un cazzo, ma attraverso le tue parole ho ricordato persone che hanno condiviso pezzi di strada con me e che ora non ci sono più. Fuori piove, vado a dormire con un po’ di amarezza.

    Mi piace

    • Grazie Raffaeleuds di aver condiviso questo pensiero.

      Hai detto bene, persone che fanno un tragitto insieme a te. Poi la vita, com’è naturale, li porta su altre strade e ci sta.

      L’amarezza è quando il cammino invece si interrompe. Ti chiedi se siano riusciti a vivere ciò che volessero o meno, nel tempo che hanno avuto..

      Anche adesso piove, il cielo è grigio, c’è una caligine che non fa vedere a più di 100 metri. Ci sono certamente giorni migliori.

      Mi piace

  3. Spesso i bambini sono cattivelli o maleducati o semplicemente poco schermati. Spesso sono lo specchio dei genitori e di quanto in maniera diretta o indiretta assorbono all’interno del nucleo familiare.

    Un paio d’anni dopo la fine del liceo sono stata avvertita della morte di una mia compagna di classe. Non eravamo amiche, non ci cagavamo molto, nonostante i 5 anni di convivenza scolastica. Quando è morta sono stata turbata nello stesso modo in cui mi turba da sempre la morte di persone giovani. Piuttosto riflessivo.

    Mi piace

  4. Qualche anno fa mi è capitata una cosa simile. Ho incontrato in un pub vecchi compagni di elementari che non vedevo da una vita, e parlando del più e del meno uscì fuori che un compagno comune era morto in un incidente qualche mese prima. Nonostante non fossimo mai stati amici la cosa mi colpì: feci una ricerca in internet e trovai un paio di link con la notizia dell’incidente (non avevo Facebook all’epoca, per fortuna o purtroppo). Ricordo che feci una gran fatica ad assimilare la cosa: non riuscivo fisicamente a concepirla. Insomma, ti capisco e mi dispiace davvero.

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...