Non è che Darwin facesse colloqui di selezione naturale

Avevo raccontato che per poter stabilizzare la mia situazione contrattuale da Procrastinatore Seriale dovevo passare attraverso un iter di selezione, finto. Cioè, la selezione era vera, ma io non ero realmente in lizza per la posizione di Snocciolatore di Fuffa.

Pur essendo una formalità – almeno così me l’avevan descritta – dovevo comunque mostrarmi all’altezza. Se non altro per rispetto di chi dall’altro lato, impegnato nella valutazione dei candidati, sta svolgendo il proprio lavoro.

Il mio obiettivo era non dimostrarmi né un imbecille inaffidabile né il perfetto candidato, ma risultare mediamente medianico.

Ho fallito. In modo vergognoso. Non sono riuscito a mostrarmi manco un tipo medio nella media.

Sembra che dagli esiti sia dei test e dei giochini aperitivi di gruppo che del colloquio individuale io sia risultato il primo.

Ci posso fare la birra con questo risultato (per quanto soddisfacente a livello personale), dato che, come dicevo sopra, non concorrevo realmente come Snocciolatore ecc ecc.

La cosa ironica è che io sono anni che provo a lavorare come Snocciolatore ecc ecc. Ma, alla fine, non ci ero mai riuscito.

Adesso invece io sono idoneo, peccato che ora sono un Procrastinatore Seriale e mi vogliono come tale.

Potrei forzare la mano e insistere per avere il nuovo posto, giacché comunque vincitore della selezione e gradito agli eventuali futuri colleghi dell’altro reparto. Però il lavoro sarebbe nella sede a Genova. E sinceramente non trovo questo il periodo storico migliore per pensare di spostarsi e trasferirsi iniziando una nuova vita altrove. Altri eventi poi mi portano a restare dove sto ora.

La morale di questa storia è che più ti impegni per essere medio, meno riuscirai.

Non è che sollevi un boccale di birra perché vuoi alzare la media

Dopo due mesi di telelavoro oggi sono ritornato per la prima volta in ufficio. Diciamo che ne sentivo il bisogno: avevo cominciato a sviluppare uno strano rapporto col muro contro cui a casa tengo appoggiata la scrivania. Sarà suggestione ma mi sembrava come se a volte mi parlasse e mi raccontasse i fatti propri.

Al lavoro le cose procedono bene. Avrò un nuovo contratto, a titolo definitivo. Però, prima, devo passare attraverso un iter di selezione. Finto.

Mi spiego: il contratto sarebbe già mio, ma devo comunque fare l’iter. Per una posizione che non è per quella per cui lavoro.

Ancora non mi sono spiegato bene, lo so.

Mettiamola così: attualmente io lavoro come Procrastinatore Seriale, a tempo determinato. Per passare a tempo indeterminato, sempre come Procrastinatore Seriale, devo sostenere questa selezione, che consta di un assessment (4 ore!) e un colloquio individuale. La posizione oggetto della selezione è però per Snocciolatore di Fuffa.

A cosa serve tutto ciò? Una mera questione procedurale. Chiaramente, se al colloquio mi mostrassi come un completo imbecille – che io sono, ma solo in parte però – non sarei certo adatto come Snocciolatore ma credo perderei pure il posto da Procrastinatore.

D’altro canto, come mi ha detto il mio Capo – che però pur essendo Capo non può prendere decisioni* – non devo manco mostrarmi troppo bravo durante la selezione, perché poi c’è il rischio (rischio?) che mi prendano sul serio come Snocciolatore e mi diano questo ruolo!


*Lo so, è tutto molto surreale: selezioni che non sono vere selezioni, capi che non sono capi…Nulla è reale, tutto è lecito. No, non lavoro per la Setta degli Assassini.


Insomma, dovrei cercare quindi di essere un uomo medio.

Come se fosse facile.

Qualcuno ha mai fatto un colloquio come uomo medio? Ma soprattutto, esiste ancora questa figura? Si parla spesso di scomparsa della classe media: come possiamo allora aspettarci che senza una classe che li formi nascano altri uomi medi?

Prometto comunque che sarò il medio più medio che mediamente si possa incontrare, nella media delle persone medie.