Non è che il sub sia uno che ci resta sotto

Il ritorno a una normalità, con tutte le regole e le precauzioni del caso, è segnato anche dal veder comparire delle presenze familiari.

Questa sera io e due miei sodali – a distanze di sicurezza – siamo stati avvicinati da quello che definisco il Re dei Bruciati della città.


I Bruciati sono un gruppo di frequentatori assidui di un ritrovo storico a me familiare, che praticamente negli ultimi 20 anni ha cresciuto me e i miei amici a botti di Bass Scotch e Tennent’s. Una storia edificante, diciamo. Questi avventori, chiassosi e con problemi di equilibrio, li inquadrerei con termini scientifici dicendo ci sono rimasti sotto, da parecchio. Penso avessero familiarità con la keta prima che divenisse Myss.


Dopo avermi chiesto in dono, un giorno che non l’avessi voluta più, la maglietta col logo dell’Atari che avevo indosso, ha iniziato una conversazione, o meglio, un flusso di coscienza con oggetto la quarantena e le restrizioni, di cui non ho un filo logico da riportare o qualche passo specifico, se non uno che mi ha colpito quando ha detto che mio padre è cubico.

In realtà non mio padre nello specifico. Mentre lo diceva si rivolgeva a me e al mio amico, ipotizzando, a proposito delle regole, «Se un vigile prende e ferma tuo padre», rivolgendosi quindi a un padre che potrebbe essere quello di chiunque, un meta-padre martire dell’ingiustizia dello Stato.

Ebbene, ha proseguito, il vigile ferma il meta-padre perché è in giro e gli fa la multa e il meta-padre, «che altro deve fare? Lui è cubico».

«È cubico perché come devo dire ci vive dentro, le palazzine dove abita sono dei cubi, la fabbrica è un cubo, la sua vita è all’interno del cubo e quindi prende e paga 500€ di multa nonostante viva magari con una pensione di 600».

Ebbene, vi dirò, ho trovato che il discorso avesse un senso. In base alla parafrasi che ho fatto sulla via del ritorno a casa, quel che voleva dire probabilmente è che l’uomo onesto, l’uomo probo (tralalalalla tralallaleru), vive la sua vita irregimentato, confinato, abituato alle regole e alle imposizioni, cosicché anche di fronte a un abuso di potere come quello dell’ufficiale che lo sanziona per il semplice fatto di esistere lì in quel momento in quella strada in quello spazio di libertà, lui si piega perché la dimensione cui è stato abituato è quella dell’obbedienza.

Mai innanzitutto avrei pensato di ricevere un’illuminazione da un tipo del genere, con cui in verità non ho mai parlato in 20 anni ma che oggi si rivolgeva a me come se ci conoscessimo da una vita. O forse in una fase allucinatorio-onirica mi ha scambiato per un altro.

Mai, inoltre, avrei pensato a mio padre come cubo.


Tutt’al più da adolescente l’ho ritenuto un incubo, il che a ripensarci oggi mi porta a chiedere perché nessuno mi ha elargito talvolta una salutare dose di schiaffoni, ché va bene che la violenza corporale sui figli è sbagliata e non si deve applicare, ma magari due pizze in faccia come terapia anticoglionaggine di tanto in tanto io gliele avrei date a me stesso.


E adesso sono qui, che scrivo, all’interno di una stanza che è un cubo che vedo dopo che mi è stato squarciato il velo di Maya dagli occhi.

E se fossi io il bruciato?

16 Pensieri su &Idquo;Non è che il sub sia uno che ci resta sotto

  1. In realtà ne ha molto, di senso. La storia del cubo, dico. Anche io vorrei essere più sferica da questo punto di vista. Ma, personalmente, sono sferica nelle situazioni in cui vorrei essere cubica, e cubica in quelle in cui vorrei essere sferica. Sarà che la matematica non è mai stata il mio forte… anche io, comunque, dopo aver scritto questo commento, mi sono posta la tua stessa domanda finale

    Piace a 2 people

  2. Vivo in una città piena di matti e bruciati (forse lo sono anch’io, forse no). In ogni caso incontrare fenomeni che nemmeno volendo potrebbero ragionare e parlare in maniera convenzionale è spesso una manna. Non ti nego che all’inizio della clausura ho riposto la mia fiducia in loro, davanti al pericolo di restrizioni e controlli che rischiassero di diventare permanenti, proprio perché hanno questo potere di aprirti gli occhi con una semplicità quasi banale, da far cascare la mandibola per terra; di farti capire che sei, in fondo, seduto su una sedia immaginaria, e che a quel punto già che ci sei ti converrebbe, almeno, mutarla in divano, invece di tenerti la seggiola da bus.
    Sempre un piacere leggerti 🙂

    Piace a 1 persona

    • Sempre un piacere leggere i tuoi commenti, sono pieni di spunti interessanti.

      Sintetizzerei così: Dopo il “Quando sei in un tunnel arredalo”, completerei con “Sì ma arredalo mettendoci un posto dove star comodo” 😀

      La tua città è antropologicamente molto interessante!

      Piace a 2 people

  3. Un vero doccione di saggezza. Come anche la massima sull’arredamento del tunnel. Belle ambe!
    Del resto la gioventù bruciata è ontologicamente avversa al piegare la zucca di fronte alle regole. Che invece spopolano nel resto del gregge.
    E allora ripenso al “Draquila” di Sabina Guzzanti: sta a vedere che sono anche questi test di sopportazione, o come le chiama lei “prove generali di regime”?

    Non lo so, lo ignoro, e siccome non fa ridere ti prego di non tenerne conto.

    "Mi piace"

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.