Il vocaboletano – #2 -‘Nzallanuto

Seconda puntata del Vocaboletano, il corso pratico e veloce per padroneggiare il napoletano nelle sue sfumature! Questa settimana è il turno di crisalide.

Viaggio al termine della notte

La scorsa settimana, il mio gatto-socio Gintoki ha inaugurato questo tour nel nostro dialetto, che vi permetterà di conoscere più vocaboli possibili e anche modi dire,  e di poter  conseguentemente intavolare conversazioni sui più disparati argomenti, rigorosamente in napoletano ovviamente. Premetto che io sono di Salerno,  ma che per anni ho vissuto a Napoli, e che quindi a parte qualche sfumatura nella cadenza, e qualche accartocciamento e acrobazia di suffissi e di cambio vocalico, l’idioma rimane lo stesso di un napoletano che vive a San Gregorio Armeno.

Il vocabolo di questa settimana è: ‘Nzallanuto. L’ho scelto, perchè ogni volta che apro il frigo, mi imbatto nel magnete (della cui creazione ringrazio Sara), e che adesso vi mostro:

IMG_20170125_091302.jpg

‘Nzallanuto, dalla voce del verbo:

img_20170125_113126-2

Dicesi ‘Nzallanuto, di persona che appare distratta, confusa, intontita, stordita, spaesata, con la testa fra le nuvole. Riferito spesso a persona anziana (viecchio ‘nzallanuto); ma non solo…

View original post 254 altre parole

Annunci