Non è che un parente incapace sia il cug-inetto

Tutti hanno delle abilità più sviluppate rispetto ad altre. In genere, per ovviare, in questi casi agisce il principio del prestito: ci si appoggia a un altro individuo che ha quantità di skill sufficiente da fornire per ciò che serve.

In alcuni casi la questione assume i connotati dell’assurdo.

Come quando un collega di università mi disse che aveva bisogno di un pacchetto di programmi e non sapeva come fare. Gli dissi:

– Ti do il cd, è già attivato
– E quindi che devo fare?
– Fai partire l’installazione e quando ha finito è tutto fatto
– Ok

Tre settimane dopo, mi telefonò:

– Ciao, senti come devo fare per quel programma?
– Cioè?
– Come si installa?
– …Il programma parte in automatico, devi solo dare conferma a ogni passaggio
– E quindi che faccio, metto il cd nel computer?
– Sì
– E poi che succede?
– Parte il programma di installazione e tu clicchi Ok, Avanti, Installa
– Ok

Non lo installò mai.

Un mio amico invece ha un problema con gli acquisti online.
Non ha una carta prepagata.
Quindi mi dà i soldi e compro io per lui, tanto io so come fare acquisti protetti. Infatti metto un condom alla mia prepagata.


Scherzo, ovviamente.
Il condom lo indosso io quando compro online.


Non ho mai capito perché non si procurasse una carta né gliel’ho chiesto, un giorno però si è deciso da solo ad andare in Posta per averne finalmente una. Non ne ha cavato un ragno dal buco e ne stava uscendo con un fondo pensione.

Allora ho capito che forse non ha la skill per queste cose.

Io invece soffro di inabilità sociali.

Ad esempio, ci ho messo anni a imparare a salutare scambiando il bacetto sulla guancia. È un gesto che cominciò più o meno alle scuole medie, ma nel cui utilizzo sono stato a lungo un inetto. Non ricordavo mai se bisognava salutarsi prima a sinistra e poi a destra o il contrario. Con tutti gli inconvenienti del caso. Credo di aver dato il mio primo bacio a un maschio, ma ho rimosso l’episodio.

Misi a punto allora una tecnica: rimanevo piantato immobile come se avessi una gruccia nelle spalle e sporgevo leggermente in avanti la testa senza muoverla di lato, aspettando che fosse l’altra persona ad approcciarsi per il saluto. In pratica, era come dare un bacetto a Lurch il maggiordomo della Famiglia Addams.

Dopo ho imparato, tengo a precisare.

Un’altra mia inabilità riguarda il momento di congedarsi da un gruppo dove c’è una persona appena conosciuta: è richiesto il saluto sulla guancia o meno? Per alcuni ho notato sembra un eccesso di confidenza ma, d’altro canto, per altri la sua assenza sembra un gesto di scontrosità.

Per ovviare, io saluto tutti a distanza con un cenno della mano amichevole e solenne come il Presidente che scende dalla scaletta dell’aereo e saluta balle di fieno che rotolano.

Sono diventato così bravo in questa posa che penso che dovrei fare il Presidente.

39 Pensieri su &Idquo;Non è che un parente incapace sia il cug-inetto

  1. Nel bacio sulla guancia io parto sempre da destra. L’importante è farlo ostentando una tal sicurezza da far pensare all’altro, che sicuramente come noi si starà chiedendo da che parte iniziare, che quella sia sicuramente la parte giusta e che sia lui, nel caso, ad essere in errore!

    Mi piace

  2. Tati non è altro che il diminutivo di Tatinetta… sappilo!
    ( per congedarmi… mi avvicino all’uscita guardando il resto del gruppo… con passettini leggeri e corti… piano piano… ad un centimetro dalla possibilità di fuga “ciao! ciao… è stato un piacere…” e PUF! nuvola di fumo e via…)

    Mi piace

  3. Quando ti leggo leggo la paurosa somiglianza comportamentale che va dai preservativi online ai baci e saluti in genere.
    Mi sono trovato in situazioni con io che vado per stringere la mano e devo dare il bacio sulla guancia e viceversa. Piú o meno ogni volta che non ho fatto il presidente o la Regina Elisabetta 2.

    Mi piace

    • I disguidi che descrivi li conosco anche io, purtroppo. Mi sono trovato mani tese piantate nello stomaco mentre davo il bacio, per dire. Un giorno l’accumulo di tali traumi fisici mi ucciderà, lo so.

      Mi piace

  4. Io, quando non ho voglia di salutare tutti col bacetto, mi metto a fare ciao ciao con la manina tipo bimba dell’asilo. Probabilmente qualcuno mi prenderà per scema ma il più delle volte a quanto pare risulta divertente quindi continuerò così xD

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...