Non è che il pescatore vada dall’odontoiatra a far controllare i dentici

Non guardo molto la televisione, anche perché è sempre uguale.
Forse dovrei accenderla, qualche volta.

L’altro giorno però ho visto in tv una cosa che mi ha sorpreso: la pubblicità di un dentifricio per soli uomini.

Dopo un iniziale stupore, un sopracciglio inarcato e una grattata a una chiappa, ho realizzato che fosse una grande idea.
Ho capito finalmente perché al mattino si incontrano uomini con l’alito che falcia teste: si vergognavano a utilizzare un dentifricio normale, loro erano maschi e necessitavano di un prodotto adatto alle loro esigenze.

La confezione, pardon, volevo dire il packaging, ha un design moderno e accattivante: nera con inserti blu elettrico. È elegante e soprattutto maschile: si può portare finalmente il dentifricio con sé, al lavoro, in palestra, ovunque, sfoderandolo con orgoglio.
Era ora di basta! con quelle confezioni bianche e verdino, bianche e rosato, bianco e azzurrino sbiadito che devono aver causato degli imbarazzi all’orgoglio di noi maschi.

Io sentivo che al mattino ci fosse qualcosa che non andasse. Davo la colpa al lunedì mattina, all’afrore di plastica bruciata che aleggia nell’aria dalle mie parti, al litro di birra la sera precedente, alla congiuntura economica, all’Europa, agli spoiler sulle serie tv.
Invece era il dentifricio sbagliato.

Immagino ora invece ci sia qualcuno che tira fuori in pubblico il proprio dentifricio da uomo: sicuramente alla vista del prodotto lo farà qualcun altro e ci si potrà scambiare un cenno d’intesa, una pacca sulle spalle, un cinque, una fraterna toccata di pene.

Ho letto un po’ di ironia in rete: che gusto avrà? Whiskey? Falegnameria canadese? Pube di Scarlett Johansson?


Che poi sono sempre restìo a idealizzare così, solo perché magari è Scarlett Johansson o chi per lei. Magari invece nel suo intimo non c’è Chilly, chi lo sa.


Immagino invece avrà il gusto da dentifricio normale: sono lontani, purtroppo, i tempi in cui era in vendita questo:

Questo era l’unico, vero, originale dentifricio da uomo: per il maschio che voleva sentirsi sempre fresco e alla moda come una bettola del Tennessee con delle ballerine in burlesque. Hi-hah!


Gli esperti di marketing plauderanno invece a questa scelta di genderizzazione del prodotto, perché in questo modo l’azienda si differenzia innanzitutto dalla concorrenti creando una novità e, in secondo luogo, sembra che oggi paghi differenziare i prodotti per sesso.

Io penso sempre che il marketing sia quella cosa che ti vuol convincere di aver bisogno di qualcosa anche se non ne hai bisogno.


43 Pensieri su &Idquo;Non è che il pescatore vada dall’odontoiatra a far controllare i dentici

  1. In effetti ero stufo di dover comprare un dentifricio generico. Uno di quelli che potrebbero comprare anche le donne.
    Sai che mi sono dovuto mascherare con naso finto e occhiali scuri al supermercato? Per non vergognarmi di questo acquisto, ho dovuto comprare anche un paio di DVD porno, un taser, sei bottiglie di whisky e un machete.
    Una scocciatura… il taser non mi serviva proprio.

    Liked by 2 people

  2. La funzione del marketing è proprio quella di “creare un bisogno” indipendentemente dall’effettiva utilità…
    Per questa ragione il mondo ha bisogno di 5 diverse confezioni di antidolorifico “specifiche per diverse esigenze” e in realtà il principio attivo e sempre lo stesso, ma vestito di colori diversi….
    Stesso principio del dentifricio, prenderesti mai un antidolorifico da una scatola rosa? Orrore e sgomento, no! Metti che poi ti passa il mal di testa ma ti viene il ciclo……

    Liked by 2 people

  3. La coca cola fece uscire la coca cola light, una bella confezione argentea. Bella confezione e bibita a zero contenuto di calorie. Fu presa d’assalto dalle donne

    Poi dopo un anno o due dopo, fece uscire la coca cola zero. Nera la lattina, aggressivo il nero e rosso. Zero contenuto di calorie. Gli uomini cominiciarono a berla.

    Sono uguali identiche! Ma prima gli uomini con quella cosa di prima così “femminile” non proprio non ci riuscivano a berla.

    E niente era solo per dire quanto siamo coglioni come genere umano.

    Liked by 1 persona

  4. La gratta alla chiappa è d’uopo. Comunque io li ho anticipati: mia moglie ne usa uno diverso dal mio (di dentifricio). Il mio è all’aloe vera e costa un pugno di riso, il suo costa 100 volte tanto ed è consigliato dai migliori dentologi. Il mio lascia lievi tracce di verde, a me sembrava abbastanza virile, ma quelli di Mentadent ne sanno di più.

    Mi piace

  5. Finalmente è finita la moda della parità dei sessi!
    Ora ognuno per sè, con il suo dentifricio che grida “Ho un cromosoma diverso” (ma non in più!) a testimoniare la necessità di lavarsi i denti con una gelatina più virile, di quelle che fanno crescere i baffi e ruttare.
    Un altro passo verso l’evoluzione sociale, yeah!

    Mi piace

    • Diciamocelo, era ora.
      Speriamo che, seppur a piccoli passi, la nostra vita migliorerà con altre interessanti innovazioni.

      Pensavo ad esempio alle penne da uomo. La bic tempo fa fece le penne per lei: e gli uomini? Una penna for men che quando la estrai dal taschino emana testosterone, perché non c’è ancora?

      Liked by 1 persona

  6. “Individuiamo nicchie di mercato inesplorato” io gliele scaverei in testa le nicchie…..a suon di mazzate! L’argomento mi punge sul vivo perché faccio un lavoro in cui, dopo anni di studi ed esperienza, il mio consiglio viene molto dopo quello della pubblicità, degli amici, dei parenti, della portiera, della vicina di casa, dei conoscenti, del primo sfigato incontrato, dei nemici e forse, ma ce la giochiamo ai punti, della suocera.

    Mi piace

  7. ora son tutti uguali, ma quando avevo l’età di mio figlio, uscì il fustino di detersivo rettangolare, e la pubblicità si basava su quello, non sull’efficacia del prodotto… E la gente lo comperava per quello (in un epoca in cui le case erano ancora grandi)!

    E invece i profumi li fanno unisex. Valli a capire…

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...