Non è che da forestiero irriconoscente io sia un immingrato

Trovandomi da più di tre mesi in Ungheria sono andato all’ufficio immigrazione per chiedere un tessera di registrazione per la permanenza nel Paese oltre i 90 giorni.

Il primo ostacolo è stato che il suddetto ufficio preposto al rilascio tessere si trovi in un posto dimenticato da dio e divinità minori. Capolinea della metro e tre fermate di un autobus degli anni settanta per giungere in un quartiere dormitorio.

Sul mezzo ho avuto difficoltà a reperire il pulsante di prenotazione della fermata, fino a che ho pensato che fosse del tutto assente e che l’autista fosse obbligato a fare tutti gli stop. Poi mi sono reso conto del mio scarso spirito d’osservazione quando una signora ha pigiato un bottone verde, simile come forma a quello ON/OFF che c’è sulle ciabatte elettriche, posizionato in alto sopra la porta.

È chiaro: qui se vuoi far fermare l’autobus devi spegnerlo.

La prima sorpresa è stata trovare un clima più rigido rispetto al centro città: essendo a 11 km di distanza dal centro in spazi più aperti il freddo si faceva sentire, grazie a un vento che spazzava via anche le adenoidi.

La zona inoltre è territorio di caccia di cornacchie, corvi e corvidi vari. Mentre camminavo mi osservavano dall’alto forse pregustando il momento in cui avrebbero cavato gli occhi dal mio cadavere assiderato.

fotor_145686796210647.jpg

Un simpatico esemplare è anche sceso dall’albero per seguirmi da vicino:

fotor_145686789948811.jpg

Dopo qualche invocazione ad Anubi, sono arrivato dove sarei dovuto arrivare.

Dall’esterno l’ufficio è irriconoscibile: in pratica l’edificio è una casa, fatta eccezione per un cancello di lamiera sul quale è appiccicato un foglio stampato al computer che ti dice che, sì, quello è proprio l’indirizzo di Harmat utca 131!

L’ambiente interno è molto più accogliente. C’è persino una macchinetta per fare le fototessere e una fotocopiatrice a gettoni. Strumenti molto utili perché quando ci si reca in un ufficio pubblico capita sempre di dimenticare una foto o una copia di un documento. Sarebbe bello trovarli anche negli uffici nostrani.


Ora so che qualcuno commenterà dicendo “Guarda che anche qui a Cunnilinguo sul Clito tutti gli uffici pubblici hanno queste macchinette…”: ne sono lieto e non vedo l’ora di visitare questi uffici pubblici, perché io in tanti anni di frequentazioni non ho avuto il piacere di usufruire di simili modernità.


L’impiegata all’accoglienza richiama la mia attenzione.
Mostro orgoglioso la ricevuta della mia prenotazione. Sono un cittadino diligente e mi sono prenotato online come prescrive il sito internet.

Mi dice che non serve.

L’impiegata controlla i documenti che ho con me, li guarda una volta, li guarda due, poi scappa via sul retro per tornare con una collega.

Alla collega mostro di nuovo con orgoglio la mia prenotazione, che lei con orgoglio mi respinge.

Controlla i documenti una volta, poi li mischia e poi li controlla di nuovo. Stavo per chiederle se dovessi dividere il mazzo, ma poi lei è sparita sul retro dicendomi di aspettare.

Torna dopo 10 minuti, dicendomi che devo pagare il bollo da 1000 fiorini (3 euro e qualche chicco d’orzo).
Ah. Ecco cosa avevo dimenticato.

Mi indirizza a un ufficio postale. Lei parla bene inglese, tranne che per dare indicazioni. L’ufficio l’ho io trovato a istinto: sono in quartiere dormitorio, sulle strade non si affacciano negozi. Dove potrebbero essere dei servizi? Al centro di un aggregato di palazzi.

Difatti, all’interno di una lunga fila di container (la zona è in ristrutturazione), tra tabaccai, negozi di alcolici, negozi di tutto al prezzo che vuoi, c’è anche un ufficio postale.

Vuoto.

Entrare in un ufficio postale e non dover fare la fila è sempre un momento da assaporare con soddisfazione. È una di quelle occasioni in cui sfodero la camminata da Sceriffo di Nottingham nel Robin Hood della Disney: pancia avanti, testa alta e braccia ciondolanti all’indietro.

“Salve! Stavate aspettando me?” è da esclamare entrati nell’ufficio postale

Una volta nel fare ciò sono stato bruciato da una vecchina apparsa da dietro che mi è passata avanti.


Le vecchine sono sempre infide. Riescono a esibirsi in scatti da velocista per soffiarti il posto, per non parlare dei colpi proibiti che ti sferrano con i gomiti ossuti per farsi largo.


Torno all’ufficio immigrazione.
Mi danno un numero. Con la mia prenotazione ormai ci ho fatto dei filtrini.

Finalmente è il mio turno, vado allo sportello dove c’è la stessa tizia di prima che non sa dare indicazioni. Esamina di nuovo i miei documenti, li gira, li mischia e li timbra a caso.

E poi mi dice che non vanno bene perché ci vuole anche un estratto conto bancario perché vogliono essere certi che io sia in grado di mantenermi e quindi devo tornare giovedì.


Onde evitare di dare un’immagine distorta o sembrare un ingrato, vorrei anche sottolineare che nell’ufficio sono molto gentili e cortesi e che la suddetta impiegata prima di dirmi di tornare giovedì si è assicurata ci fosse qualcuno che parlasse inglese perché lei non ci sarebbe stata.


 

62 Pensieri su &Idquo;Non è che da forestiero irriconoscente io sia un immingrato

  1. Fai bene a citare cunnilingus sul clito perché vengono sempre citati posti meno affascinanti. Apprezzo molto.
    Io cerco sempre di fare lo sceriffo di Nottingham. Sempre.
    Forse dovevi alzare il mazzo comunque. Magari non dovevi tornare giovedí.

    Mi piace

  2. bisogna fare attenzione alle vecchine!… sempre! è una regola fondamentale…
    i più astuti imparano ad essere vecchine a 20 anni per sopravvivere al girone postale🙂

    Mi piace

  3. È tristemente confortante sapere che la burocrazia è un dito in coolo in ogni paese civilizzato e non solo qui da noi nello stivale.

    PS: secondo me avresti dovuto puntare qualcosa! Cioè se lei faceva mazzo toccava a te aprire al buio!

    Mi piace

  4. Nel mio comune di Sacramento sotto al Monte la fotocopiatrice c’è ma mangia i soldi. Che civiltà è se all’ufficio postale non ci sono pensionati in fila agli sportelli? Inoltre quanto costa quel dolce assurdo a forma di fuso che ho pagato a peso d’oro all’Expo dopo 45 minuti di fila, quasi come al padiglione degli Emirati Arabi Uniti? Sono bellissimi i tuoi racconti, e forniscono tante informazioni utili! Fielen danke!

    Mi piace

  5. Cunnilinguo sul Clito deve essere un posto molto eccitante da visitare! (Devo smetterla di leggere i tuoi post mentre sono con altre persone in stanza perché devo sempre spiegare perché sghignazzo, Mondagatta!)

    Mi piace

  6. Non sapevo fossi lì…
    Non credo che in Italia sarebbe stato meglio, forse ti avrebbero già espulso o fatto finta di espellerti. So però che anche in Italia ci sono uffici postali dove non si fa la fila…

    Mi piace

  7. Topper parla di posti mitici ed irreali…😉

    Le vecchine diventano peggiori dal dottore e soprattutto nel paesello dove abito io (dove mediamente la gente è più spaccaballe che nel resto della regione). O al supermercato il sabato mattina. Attento soprattutto a quelle col bastone, che menano!

    Mi piace

  8. Pensa che in svezia ti mettono a disposizione dei computers connessi a internet e collegati alle stampanti dove puoi stampare o fotocopiare liberamente quello che vuoi! Altri mondi.
    Senti ma per curiosità, li il tempo com’è di solito?

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...