Tutto è a zero, tutto azzero

A zero si è posata la neve.
Non accadeva da trent’anni. Io non c’ero ancora, per qualche giorno.

Ieri non c’ero perché un brivido di febbre mi ha detto resta a letto o ti ci rimetto io.

Azzero.

A zero tutte le chiacchiere, bei discorsi di forma aggraziata ma di sostanza evanescente.

Azzero.

Azzero giochi, azzero contatti, azzero con una matita rossa.
C’eri, non c’ero, non c’eri, c’ero, non ci siamo.
Accendo un “c’ero” per ricordarmene.

A zero, son fermo ancora.
Faccio un giro e torno al punto di partenza. Un uroboro.
Un gioco dell’oca.

Rinascere e ripartire, chiudere porte e aprire finestrelle.
Guardo il mondo da un boh e mi spavento un po’.

Emptiness is loneliness,
and loneliness is cleanliness
And cleanliness is godliness,
and god is empty just like me

Annunci

16 Pensieri su &Idquo;Tutto è a zero, tutto azzero

  1. Non so perché (o forse sì), ma sento questo articolo molto mio. Mi ci ritrovo.
    Spero di riuscire ad azzerare.

    ps: Buon Anno!
    pps: il “c’ero” acceso mi ricorda i giochi di parole di Alessandro Bergonzoni, o sbaglio? 🙂

    Liked by 1 persona

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...