I tossici ammirano estasiati i buchi dell’asfalto delle nostre strade

Il cielo grigio di oggi è un’effusione delle tue strade, consumate da sole, piogge e pneumatici. Le lastre di ghiaccio, in attesa del sale che le sciolga, si estendono fuori dal mio petto. Combatteremo questa mia freddezza comprando una stufa alimentata con il pellet del Lidl.

Approfitteremo delle occasioni sul volantino per frugare nel cestone delle offerte. Guarda questi calzini di cotone sintetico esausto a 2 euro al chilo, come ti starebbero bene.
I centri commerciali di provincia mi incutono timore. Eppur di notte tra autostrade e statali mi oriento con le loro luci, a guisa di un marinaio con le stelle.

Ho difficoltà a mantenere una via, figuriamoci scegliere un percorso.
Ho camminato ubriaco in equilibrio su un muretto. Ho centrato da sobrio una buca con la ruota.

Ci sentiremo abbandonati dall’Anas e smetteremo di inginocchiarci alle colonnine SOS aspettando che piangano per gridare al miracolo. Immote come Madonne, coi reggiseni a punta come Madonna.

Ma-donne?

Una è sparita nei corridoi di una metropolitana sconosciuta, una si è venduta al freddo.
Una ha perso le illusioni insieme ai vestiti scivolati via, una è rimasta appoggiata a un muro dopo tre birre.
Una si è persa nella propria confusione senza una bussola, una si è ascoltata due volte e si è ri-sentita una volta per tutte.
Una dopo le tre birre è andata a curare i disturbi gastrointermentali all’estero con il terzomondismo e i locali jazz, una è uscita dalla finestra di confusione per rientrarvi dalla porta sul retro, scordandosi fuori le pillole di saggezza per smetter di vivere la sofferenza. Una riflette e si riflette nell’iride speranza di un telefono, una è al telefono con una foglia speranza di lattuga.

Con un mese di anticipo, addio voi 2014. Buon duemilaquidditch come direbbero a Hogwarts.

Annunci

25 Pensieri su &Idquo;I tossici ammirano estasiati i buchi dell’asfalto delle nostre strade

  1. Un post che traduce bene le emozioni.
    Riflessioni di un gatto, camminatore ramingo sulle strade consunte della vita, capace di trasmettere con ironia pittoresca ma impenetrabile la freddezza, il timore e l’equilibrio attraverso parole miagolate piano eppure così capaci di spiazzare.
    Alza la coda, in futile attesa e meritevole ascolto, prima sulla città che accorto e a passi lenti attraversa, poi sulle donne che ad una ad una incontra, alcune variopinte come magnifiche farfalle e altre malinconiche come questa stagione d’autunno. Donne dove la classe non esiste più, c’è solo un magma infinito con problemi di solitudine e di identità. Lui le vede tutte, le osserva, le analizza. Scuote la testa ed anche la coda, forse è rabbia distaccata o solo fredda impotenza.
    Il cielo oggi è grigio come grigio è il colore di tanti gatti. Cielo e gatti che dietro nuvole plumbee e i baffi allineati in perenne continua sfida potrebbero ancora insegnarci qualcosa. Perchè se basta aprire in tempo un ombrello per ripararci dalla pioggia possiamo ancora giocare con la vita un’emozionante partita a scacchi, quel Quidditch volante che ci catapulterà in un nuovo anno con altre opportunità. Noi facciamoci trovare al Binario 9!
    Ottimo post, buona domenica
    Affy

    Mi piace

  2. Anche quì oggi il cielo è grigio; ma per favore non mi far pensare che anche il 2014 è già finito che mi prende malissimo. Ah, io sarei in grado di centrare con la ruota l’unica buca in una strada larga 3 metri (vita vissuta).

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...