Fattore y: dal particolare al generale (dietro la collina)

Dopo aver commentato un post del poliedrico ysingrinus ho fatto delle riflessioni.

Mi sono ricordato che al liceo ho scoperto che la y io la scrivo al contrario, cioè col braccio corto a destra. Era una cosa che mi veniva naturale, non ci ho mai fatto caso. L’insegnante di matematica quando mi chiamava a svolgere esercizi alla lavagna a volte me le cancellava e le riscriveva giuste. Qualche compagno non capiva che lettera fosse o fingeva di non capirlo. Io mi infastidivo: perché perdere tempo su questo particolare?

In realtà è tutta la vita che io stesso perdo tempo sui particolari.

Nelle ultime settimane, per esempio, sono latitante per Almalaurea. Per un paio di mesi mi hanno inondato di mail con la richiesta di rispondere al loro sondaggio post laurea. Dopo il primo messaggio ho pensato che, appena libero per 10 minuti di tempo, mi ci sarei applicato. Quando poi sono arrivate mail insistenti, perentorie come dei solleciti di pagamento, mi sono girate e ho deciso di non partecipare più. Da una settimana sono cominciate le telefonate, anche il sabato,  mattina e sera. Ho messo il blocco in entrata ai loro numeri.

Ecco, questo è uno dei casi in cui mi concentro sul particolare (il mio odio per l’insistenza), perdendo di vista il generale (permettere invece a delle persone di fare il proprio lavoro e partecipare a migliorare un servizio…forse).

Il mondo per me esiste solo in relazione ai particolari. Per dire, fatico in genere a rammentare una strada per andare dal punto A al punto B, a meno che non ci sia qualche cosa da ricordare lungo il tragitto: l’insegna di una trattoria, una casa diroccata, un cartello stradale arrugginito. Può anche trattarsi di qualche segno non definitivo: magari una volta lungo quel percorso ho visto un bambino che giocava in un cortile (io, vagabondo che son io…) e mi è rimasto per sempre impresso.

I miei ricordi funzionano allo stesso modo. Ho la testa suddivisa in tante bacheche dove ci sono appese delle istantanee, di cose a volte completamente insignificanti ma per me divenute particolari.

Un banco scheggiato alle elementari, col truciolato che emergeva fuori che una volta doveva essere chiaro ma col tempo era diventato nero. Un cartello bianco su un rudere con una scritta rossa BOXE, tel xxxxx (no, il numero non lo ricordo. Non sono Rain Man). Una figurina dell’album sulla F1 dei primi anni 90′ volata per terra sul marciapiede. Una tazza a righe arancio e nere. Una bambina orientale che piange sul lungomare di Salerno, mentre la madre si era allontanata a guardare la merce su una bancarella. Una decorazione luminosa raffigurante il profilo di un Babbo Natale, dimenticata appesa su un muro da chissà quanti anni. Un tizio alla stazione che davanti alla biglietteria automatica mi chiede se il treno per Lanciano per il quale stava acquistando il biglietto sarebbe arrivato alle 21 dello stesso giorno, in tempo per la partita (nota: erano le 14 di sabato. La partita era alle 15 del giorno dopo). E ancora, il vento che si alza mentre pioviggina con una goccia d’acqua che mi finisce nell’occhio mentre attraversavo via Duomo, i baffi di un signore sulla 50ina che un giorno notai seguiva una lezione universitaria nella mia stessa aula, la voce di un operatore telefonico del WWF che mi ricordava la scadenza dell’abbonamento, un buco a forma di stellina su una maglia.

E potrei andare avanti e avanti.

Il gatto nero è stato uno dei simboli del sindacalismo anarchico. Potevo forse non citarlo?

Ho invece un problema col generale, col tenere sotto controllo il quadro d’insieme, ricordare ciò che conta. E ho anche un problema coi generali. Ho infatti difficoltà a relazionarmi con l’autorità. In fondo mi ritengo un anarchico, anche se ci vado cauto col dirlo. In primo luogo perché è una concezione più filosofica che politica, in secondo luogo perché la gente ha uno strano rapporto con l’anarchia; le persone immaginano sempre un tipo vestito da Black Bloc che non entra al McDonald’s perché cioè noi dobbiamo combattere il sistema perché cioè il capitalismo, la globalizzazione…cioè, capisci?

A essere sincero io realmente non vado al McDonald’s, ma semplicemente perché un pasto lì è l’equivalente delle calorie che consumo in una settimana.

Questa è una cosa particolare o generale?

Comunque a me una y invertita sembra di vederla anche tra le pieghe della mano.
Giochiamo a “Trova la y invertita che Gintoki crede di vedere” (temo comunque che in foto non si veda)

20141022_225605

Annunci

35 Pensieri su &Idquo;Fattore y: dal particolare al generale (dietro la collina)

  1. La peiga grande a sinistra, quella che fa opporre il pollice è il braccio lungo, invertito della tua y, è cosí?

    Si vive per i particolari, il generale serve solo a contenere tutti i particolari necessari.
    I generali invece non servono a nulla. Se è il generale Custer è anche peggio!

    Mi piace

    • ahahah no, sorry: in realtà è piccolissima, però ingrandendo la foto si può notare.
      Però me ne hai fatta scoprire un’altra!

      Concordo col tuo ragionamento. Però il Custer negli USA l’han fatto diventare un mito, vedi come è strana la vita

      Mi piace

      • Sarò onesto: ho guardato rapidamente la tua mano perché dopo mi sono messo a guardare la tua! Adesso riprovo a cercarla, anche perché mi hai dato un ‘particolare’ importante: è piccolissima!

        Non è strana la vita, è crudele per chi non è un generale!

        Mi piace

  2. Sono shockata dalla tua memoria per le cose insignificanti, la trovo meravigliosa! Da oggi ti vedrò come un super eroe. Il micio col mantello rosso svolazzante.

    Per la mano: pollice, linea a destra che sale, ancora a destra (praticamente al centro della mano) c’è la Y invertita. Cos’ho vinto? Un questionario AlmaLaurea?

    Mi piace

  3. Gattone io e la mia pigrizia abbiamo un problema di concentrazione a quest’ora del mattimo, ti credo sulla parola sulla y nella mano (nessuna zingara che legge e sappia leggere il futuro e ci dica quante ciotole di croccantini ti aspettano?).

    Intanto mi son gustatoil tuo post e ti son grata che mi ha fatto conoscere ysingrinus di cui ho letto il post, ora per almeno un’ora ho esaurito l’energia 😉

    Mi piace

  4. oddio, non so quante y ho visto a un certo punto era tutta una danza di ipsilon che diventavano bastoni da rabdomante (es. sotto il mignolo in orizzontale) … io scrivevo la q al contrario… e ho appena notato che lo faccio ancora -.-
    i particolari sono fondamentali in realtà, sono quelli che rendono le cose speciali, sono quelli che ti fanno innamorare per esempio 🙂

    Liked by 1 persona

  5. Io invece ho la capacità esattamente contraria…non colgo affatto i particolari. Se tu ed io parliamo per due ore davanti a un caffè e poi ti alzi un momento e qualcuno mi chiede, com’è vestito quel gattaccio di Gintoki, sta tranquillo che non so rispondergli. Infatti una cosa che mi colpisce moltissimo è proprio l’altrui (spesso femminile, devo ammettere) capacità di ricordare il singolo particolare (com’era vestito, cosa aveva detto, cosa avevamo mangiato). Io resetto ogni cosa!

    Mi piace

  6. Siamo molto simili. Mi ritrovo in quello che scrivi anche se non credo di averci mai riflettuto. Le bacheche, gli schemi mentali, i problemi con i generali e l’autorità… non sopporto nemmeno le gerarchie al lavoro.
    La tua mano ammetto di non averla guardata troppo ma credo che ci si possano trovare tutte le lettere dell’alfabeto. Compreso quello cirillico.

    Mi piace

  7. sulla tua mano non so. ce n’è una sul foglio a fianco. 😀
    però anche te… giocare a trova la y in un mano, dove son tutte righe che si intrecciano a forma di y… giochiamo piuttosto a “quanti braccialetti in cuoio nero vedi vedi nella foto”! 😛

    scherzi a parte, su almalaurea, li compatisco fino a un certo punto. il sondaggio è cortesia da parte dell’utente ma, credo, non sia certo dovuto. se telefoni al a sabato a pranzo, scassi la minchia. punto.

    Mi piace

    • Avresti già perso perché non è cuoio, è finta pelle! tsk!…aahahha

      Comunque sì, è proprio ciò che dicevo io. Detesto l’insistenza sino a questo punto, comprendo ci siano delle persone che lavorano, però date tregua

      Mi piace

  8. Ne approfitto per lanciare un appello a chi ancora si deve iscrivere all’università: pensateci seriamente! Almalaurea diventerà la vostra ombra.
    Non durante, mentre ti godi la vita da studente; ma dopo, mentre accetti di sottoporti a colloqui fantozziani e ti accorgi che guadagnavi di più a fare il cameriere… sarà un’eco costante, quella vocina che ti chiama all’ora di cena in agosto, mentre cerchi di goderti un minimo di riposo…: “Stai svolgendo un’attività in linea con gli studi che hai fatto? Stai svolgendo l’attività che volevi svolgere?”.
    Pensateci. Magari invece di iscrivervi all’università volete provare a ottenere lavoro presso Almalaurea, che cerca sempre nuovi centralinisti per potenziare il servizio, secondo me. E credo che stiano avviando una collaborazione con l’associazione degli psicologi: Almalaurea disfa e loro poi possono rimettere insieme 🙂

    Liked by 1 persona

  9. WordPress mi ha consgliato la rilettura di questo articolo. A distanza di non so quanti mesi, forse anni, posso dire che sul rossore del tuo anulare vedo le stesse cose. Non sono cambiato io. Bisogna vedere il tuo rossore però che cosa che dice.

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...