Faccio cose, vedo gente

Tre giorni fa, sulla pagina fb dei Marlene Kuntz ho letto questo post del buon Cristiano Godano

Sono stato all’Atonal, che è un festival eminente nell’ambito della elettronica. Posto fantastico (non era ancora mai stato al Tresor, lo ammetto; e… Beh: wow!). Ci sono stato la sera dei grandi Cabaret Voltaire (che poi, se non sbaglio, in realtà era solo Richard H.Kirh, uno dei membri fondatori, timido, nascosto e ingobbito su stesso dietro una pila di macchine ed effetti) e una volta per tutte mi sono persuaso che assistere a un “concerto” di gente che manipola live i suoni (e credo di essere generoso), assistervi, intendo dire, con quell’aplomb tra il medio-fatto e il più-o-meno-intellettuale-super-preso-bene-e-stra-convinto, sia una cosa un po’ ridicola. Non vorrei essere equivocato: mi piace un sacco certa elettronica; ma dal vivo, stando davanti al palco come a un concerto e guardando il nulla di uno o due o tre esseri esseri che si dibattono un po’ a vuoto facendo finta di aver molte cose importanti da fare, resta un rito senza senso (se non per veri-fatti che cercano, trovandola assai facilmente, la sequenze di onde giusta per ondeggiare artificialmente estatici. O perlomeno, immagino, visto che vero-fatto non lo sono mai stato. In quel caso, da veri-fatti, le cose cambiano radicalmente)

Ieri sera, neanche a farlo apposta, sono stato a un festival di media art che ha raggiunto anche una discreta notorietà. Ci sono installazioni artistiche interessanti e spazio per la musica elettronica.

La musica, per l’appunto.

Attenzione: quella che segue è una mia dichiarazione di incompetenza e ignoranza: non sto dicendo che ciò a cui cui ho assistito sia una cagata pazzesca, probabilmente sono io che non ne so apprezzare il lato artistico.

Fatto sta che ieri, nel teatro che ospitava parte della manifestazione, ho assistito all’esibizione di Fennesz. Uno con una chitarra e un portatile e un socio che non ho capito bene cosa facesse (forse si occupava dei video che scorrevano sullo sfondo).

È stata una esperienza AGGHIACCIANTE. Anzi, AGGHIAGGIANDE. HO PAURAAAA.

Più di un’ora ad ascoltare uno che fa rumori distorti, poi ogni tanto faceva PLIN sulla chitarra e per mezz’ora ne manipolava l’eco. A un certo punto mi sono addormentato per una decina di minuti perché i suoni ipnotici mi fanno questo effetto.

Ripeto, probabilmente sono io che non sono pronto per tale arte e non la comprendo. Ma mi faceva girare le palle. Chiedo scusa per la parola “girare”.

Un esempio di ieri sera

Mentre mi deliziavo con tale esibizione, non potevo non constatare che intorno a me vedevo sempre le solite facce che incontro in queste occasioni: a parte il sottobosco di persone che conosco di persona o di vista, tutti gli altri erano tra loro simili. Sembrano prodotti da una fabbrica, il laboratorio ACME hipster-indie. Tutti facenti parte dell’universo “faccio cose, vedo gente”, impegnati, come si suol dire, che non ho capito bene dove ci si impegna, anche io vorrei fare l’impegnato ma non posso impegnare me stesso perché solo un me stesso ho e mi serve.

Io non so se il post di Godano m’avrà condizionato, fatto sta che quando ieri sera li osservavo ho pensato alla sua frase
“quell’aplomb tra il medio-fatto e il più-o-meno-intellettuale-super-preso-bene-e-stra-convinto
e ho detto Minchia! È vero. È stata una rivelazione. Mi ha fatto venire in mente un vecchio sketch di Luttazzi sull’Iraq, quando disse “Ti guardi intorno e noti che tutti assomigliano a D’Alema. Ma non si dice. Infatti quando due italiani si incontrano si guardano così (ammiccando): stiamo pensando la stessa cosa?” Ecco, la sensazione è stata proprio quella.

Tutti con la mano poggiata sulla guancia e l’indice alto verso la tempia, tipo Oscar Wilde, che è una posa che io uso quando fingo che mi sto interessando a ciò che qualcuno mi dice.
Ora che vi ho messo a parte del mio segreto, dovrò eliminarvi.

La domanda è: perché ci vai? Perché io non escludo mai a priori nulla e poi penso beh, magari sarà interessante, quindi c’è tutto da guadagnare. Forse farei meglio a imparare a informarmi preventivamente.

E poi ho pensato. Visto che gira e rigira io mi ritrovo negli stessi ambienti delle persone che ho descritto, non è che sarò anche io così?

24 Pensieri su &Idquo;Faccio cose, vedo gente

  1. Un pò hipster lo sei. Ti do questa rivelazione. 😉
    Ps. Godano è un grande, e soprattutto se non ho capito male è stato al Tresor di Berlino. Posto fantastico, fatiscente, sembra una vecchia prigione con vere e proprie celle, gabbie, muri a cemento vivo e graffiti fluorescenti in ogni dove, cunicoli nascosti con tanto di catacombe in un pachiderma architertonico di 4 o 5 piani. Assurdo. Anche io ci andai per una serata di musica elettronica durante una vacanza a Berlino, passai una nottata a scoprire il posto più che a star dietro alla musica. All”uscita un tossicodipendente mi ferma e mi chiede in inglese se ho della roba, gli rispondo di no, mi prende le braccia, le gira e mi guarda l’incavo all’altezza del gomito, poi convinto mi guarda e mi dice”good girl”. E se ne va.

    "Mi piace"

    • Guarda che facevo queste cose da prima che fosse di moda!

      XD

      Episodio fantastico XD…Non ci sono stato al Tresor, e dire che l’anno scorso sono pure andato a Berlino. Non era manco lontanissimo da dove dormivo, penso max 2km

      "Mi piace"

        • Penso che ci tornerò sicuro.

          In verità si parlava di tornarci anche quest’anno, ma a me piace sempre vedere posti nuovi e due anni di fila non mi garbava la stessa meta. per quanto di cose da fare ne proponga.

          Ah, visto che stiamo a questo scambio di info, se tu dovessi tornarci ti consiglio di andare una sera al Café Kotti, nel quartiere di Kreuzberg.
          È un posto fantastico, credimi

          "Mi piace"

            • È un bar dove ti ci puoi parcheggiare per ore, nessuno ti dice niente; è arredato senza seguire alcuno stile: qua c’è un divano anni ’80, di là un divanetto moderno, poi una poltrona, una sedia di legno, una lampada anni ’70 e così via. Il soffitto è decorato da pannelli che sono in realtà quadri. Gente che viene lì e gli regala un quadro che ha dipinto. Te ne puoi pure portare via uno, se vuoi, lo chiedi e te lo prendono. Non so se si paghi, però.

              La birra non costa una mazza, come del resto dappertutto ma lì ancora meno. La cosa assurda è che, in proporzione, costa più prendere il bicchiere piccolo che il boccale da mezzo litro 😀

              È bello perché poi è molto vivo.

              Mh.

              Ora che ci penso, sembra un posto hipster.

              Oddio.

              "Mi piace"

  2. Che dire? Piuttosto ripetitivo, come pezzo.
    Non che questo sia un male, se all’ascoltatore piace quel blump…dlang-ng… blump… dlang-ng ripetuto per 4 minuti e passa.
    Eh vabbè, de gustibus…

    "Mi piace"

    • Fortunatamente ho trovato sabato sera persone che la pensavano come me, che dicevano: ascoltare solo la musica è orribile, però con l’installazione video sullo sfondo aveva un senso.

      Io avrei voluto aggiungere: ma fare a meno di quella musica e tagliare la testa al toro? Ma mi sono accontentato di questa mezza vittoria

      "Mi piace"

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.