Respiro de panza, respiro d’incostanza

La mia dottoressa ha detto che respiro troppo con il petto e poco con la pancia.

Come faccio a spiegarle che io vorrei tagliare ossigeno alla metà inferiore del mio corpo?

Nell’addome, da qualche parte, ho un secondo cervello che parla a mia insaputa con il primo e gli comunica sensazioni, emozioni, stati d’animo.

Allora l’unica alternativa è reprimere, soffocare.

Gli amici mi dicono che sono troppo controllato. Provate a vivere dentro di me e ditemi se non vi verrebbe voglia di rinchiudere voi stessi e vostri modi d’essere in un Panopticon.