Che tu sia per me il Pulcinella

Un anno fa mio cugino si sposava.

Ci sono due cose, tra le tante, che fatico a sopportare: la comicità napoletana forzatamente simpatica e sboccata e lo scimmiottamento di modi e gestualità omosessuali per fare folklore. Erano presenti entrambi in un’unica persona: un tizio vestito da Pulcinella ingaggiato per allietare i convenuti.

Non sto scherzando o dipingendo una parodia.
A metà matrimonio si è presentato Pulcinella. La gente rideva. Io guardavo mio padre e domandavo: ma siamo parenti di costoro?

E ho riflettuto che, in realtà, sono cose che trovano consenso anche al di fuori del contesto di un matrimonio. Penso ad esempio alla tv, dove compare sempre un comico (o presunto tale) napoletano che fa il simpatico e il buffone. Oppure, dove c’è sempre un omosessuale che come ruolo recita la parte della checca isterica o istrionica.

Mi sembra paradossale, in un Paese dove – checché se ne dica – esistono rigurgiti di razzismo territoriale e omofobia. Se ci si pensa, però, non è così assurdo. La funzione della tv è simile a quella delle fiere europee dell’Ottocento, dove facevano esibire la “Venere Ottentotta” per intrattenere il pubblico che si divertiva e al contempo si percepiva superiore rispetto all’oggetto della propria ilarità.

Ecco, dopo tutti questi discorsi poi arriva Pulcinella al matrimonio e mi trovo in difficoltà a spiegare che qui non viviamo come dei selvaggi folkloristici.

Annunci

17 Pensieri su &Idquo;Che tu sia per me il Pulcinella

  1. Una mia amica tempo fa mi segnalò un video su youtube, nel quale c’era proprio qualcosa del genere, un tipo vestito da Pulcinella che, in poco tempo, divenne lo zimbello, non so quanto consapevole e complice, di gran parte degli invitati.

    Mi piace

    • Diciamo che la figura, nella sua connotazione tradizionale si presta a svolgere, tra le sue varie anime, il ruolo di buffone del pubblico.

      Però un conto è il teatro o la commedia, un conto è una carnevalata fuori luogo, dove poi assume i contorni del grottesco o del kitsch, come diceva gatta qui sotto

      Mi piace

  2. beh, alla festa di pensionamento della migliore Preside che abbia mai avuto…s’è improvvisamente presentato…Dante. In persona. E ha declamato versi all’impronta per tutti!
    Una bomba!
    Ci siamo scompisciati dalle risate. Era di una bravura indescrivibile. Davvero una bella festa!
    Colto, disinvolto e raffinato. E sì che siamo…a Roma!
    Ancora c’è salvezza. Dico io.

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...