Milioni di chilometri

Ho trovato un vecchio biglietto dell’autobus, scolorito.
Frammento di testimonianza di trasferte, milioni di chilometri, di quando tornavo a casa oltre le dieci di sera.

In tv a quell’ora un canale trasmetteva Takeshi’s Castle, filmati vetusti già visti e rivisti, ma sempre piacevoli, leggera compagnia durante la solitaria cena.

Spesso ero l’unico passeggero dell’ultima corsa, avevo stretto conoscenza con gli autisti, discutevamo,qualche volta mi offrivano anche un caffè durante una sosta – non autorizzata – del tragitto.

Una volta uno di loro, che non avevo mai incontrato in quel turno, mi raccontò dei suoi viaggi in Etiopia, per tenermi sveglio. Sua moglie era originaria di lì. Milioni di chilometri, anche lui.

E ora, di tutto questo nulla più mi rimasto, a parte un biglietto scolorito
come una bottiglia vuota lungo un marciapiede, ricordo di una serata
poi passa il netturbino

e se la porta via.

3 Pensieri su &Idquo;Milioni di chilometri

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.