Foglie morte

Cosa ci faccio qui? Ho un abito che non mi appartiene, un ruolo che non mi appartiene, una città che non mi appartiene. Stringo il pugno. Raccolgo solo aria, molecole di O2 da intrappolare nelle pieghe del palmo, tra la linea della vite da uva e la linea delle more. Io sono frutto di un sottobosco dimenticato.

Il vento comincia a tagliarmi la gola. Fiotti di cattivo umore dalle mie vene, plasma spinto giù da qualche zona del cervello che non ricordo. Lobo frontale, parietale, temporale?

Temporale, sì. Tempesta ormonale.

È buio. Un vicolo deserto popolato di umani: mi guardano, inclinano la testa come cuccioli che non capiscono le direttive del padrone.

Gocce. Devo affrettare il passo, raggiungere la mia auto. Un utero metallico nel quale tornare, dal quale non uscire.

Disse il Buddha Sakyamuni (o chi per lui e propendo per questa ipotesi)

La mente è irrequieta come un bambino che gioca in un villaggio

8 Pensieri su &Idquo;Foglie morte

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.