La mela marcia

Sì, avevo promesso di parlare del censimento, poi me ne son scordato; rimandiamo a quando dovrebbe cominciare effettivamente questa storia (cioè il 9 ottobre).

La notizia di oggi è che Berlusconi chiamerebbe il suo nuovo partito “Forza gnocca“.

No non è questa la notizia (anche perché non rappresenta nessuna novità): il fatto è la scomparsa di Steve Jobs. Non voglio mettermi a fare una biografia online, un necrologio, un post alla memoria…no. A questo ci sta pensando un miliardo di persone minimo sul pianeta. Diamo per scontato che Job sia stato un grande innovatore, un genio, ecc., perché è una cosa che tutti riconoscono e pone Jobs al livello di qualsiasi altro grande inventore del passato (lasciamo stare che magari non sia tutto lavoro suo o che ci siano stati altri prima, ma è comunque chi perfeziona e rende fruibile qualcosa il “padre” – seppur adottivo – dell’invenzione. E questo va tributato a Jobs).

Questo è stato. Ciò che è adesso (ed era pure prima, ma ora aumenterà a livello esponenziale), è il culto ideologico verso la Apple e Jobs. Un culto che mi spaventa perché rappresenta l’apoteosi del capitalismo sfrenato (di cui Jobs era un sapiente interprete) che sottrae capacità di giudizio alle persone (del resto, diceva Jobs: non è il lavoro dei consumatori sapere quello di cui hanno bisogno), che ben si esplicita in ciò che oggi è la mela con i suoi prodotti. Non nego la loro qualità, anzi, ma la Apple vende perché è cool. È questo il dato, quante persone che hanno in mano l’Iphone ne sfruttano il potenziale? E quanti ce l’hanno in mano come scimmie giusto per godersi le cazzate? Allora il culto in questo caso diventa qualcosa di sbagliato, come portare il maglione griffato giusto per far vedere che ce l’hai. E io disprezzo costoro: invidia perché non posso permettermi le loro cose? Io in verità cerco di non privarmi di nulla, nei limiti del sensato. Ascolto la musica eppure non ho speso una barca di soldi per un I-pod. Ooooooh, ma come fai???? Mi scriverà il bimbominkia. Ecco un esempio di ciò che ho letto in giro

l’ipod è una cosa unica e straordinaria…per veri intenditori…nn importa se il prezzo minimo superi di gran lunga i 100€ l’ipod è la musica…la musica è l’ipod…l’ipod ti cambia il modo di vedere le cose

Quindi senza l’I-pod non esiste la musica, ok. Addirittura ti cambia il modo di vedere le cose, cazzo, cos’è, un libro di Erich Fromm? Tanto poi che fa che costi tanto…questi sarebbero gli appartenenti alla generazione de “noi la crisi non la paghiamo”. Però poi pagate per comprare le cose di tendenza, quelle sì, perché sono cool. Perché dico ciò? Perché simili commenti li leggo sulla pagina FB di XL, un giornale che pare tanto indie-alternative-indignados-lacrisinonlapaghiamo-ministrobrunettafaischifo e poi scrive in bacheca: quale invenzione di Steve Jobs vi ha cambiato la vita? con tanto di foto di prodotti Apple. Sottomessi, come tutti, all’ideologia del consumismo; già il fatto che presupponga di “cambiare la vita” (senza non puoi farne a meno!) è indicativo.

Mezzo secolo fa veniva pubblicato Miti d’oggi, il saggio con cui Roland Barthes analizzava la società di massa degli anni Cinquanta. Sotto la sua lente, gli oggetti della vita quotidiana e dei media diventavano la chiave di lettura per capire il proprio tempo e la propria società.

Per Barthes, il mito non sta nelle cose in sé, ma nel modo in cui esse vengono comunicate. Il principio della cultura di massa “sta nella capacità di trasformare il culturale in naturale”. Ciò che è stato artificialmente costruito diventa, attraverso la comunicazione di massa, qualcosa che ci appartiene indissolubilmente.

I sordidi incontri di catch nelle periferie parigine, la bistecca al sangue e le eterne patate fritte, la pubblicità dei detersivi iperschiumosi, gli antichi romani nei film di Mankiewicz, l’epopea ciclistica del tour de France, le rubriche astrologiche nelle riviste femminili, la Citröen DS, il viso algido di Greta Garbo nella Regina Cristina, lo strip tease al Moulin Rouge, Gide in vacanza sul fiume Congo che legge Bossuet, le fotografie di pietanze ornamentali sui giornali di cucina, l’operaio di Chaplin in Tempi moderni, la capigliatura dell’Abbé Pierre, i monumenti e i ristoranti delle guide turistiche, la spasmodica ricerca degli extraterrestri, il cervello di Einstein conteso fra le università americane, l’invenzione della plastica, le tautologie della critica teatrale accademica, la stupefacente velocità dei jet, il consumo rituale del vino e le purificazioni del latte, le immagini dei candidati nei manifesti elettorali…

Gianfranco Marrone

Alla lista, si può benissimo aggiungere la mela morsicata…

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.