Il militare e la Brunetta

 
E’ interessante cosa ne pensino all’estero della brillante iniziativa del nostro Governo di inviare in città le FA.
 
Cito l’articolo di El Pais (l’articolo completo è disponibile qui):
 
¿Por qué no dotar con más medios materiales y humanos a las fuerzas del orden público como sostiene con sensatez la oposición de izquierdas? ¿Qué efecto hace ver a un uniformado armado con un subfusil vigilando áreas tradicionalmente protegidas por la policía y los carabineros? En principio, poco tranquilizador. Puede asustar al ciudadano en general o a tantos turistas que visitan Italia. Lo más sorprendente es que no pocos han recibido el desembarco con simpatía. En ello tiene bastante que ver la política demagógica y gestual de Il Cavaliere, que piensa que a base de golpes efectistas e inmediatos puede solucionar de un plumazo problemas nacionales de gran calado.
 
Si pongono un pò la stessa domanda che si pongono (o si dovrebbero porre) tutti: se è necessario garantire sicurezza, perchè non fornire più uomini e mezzi alle FdO invece di chiamare i militari?
 
La domanda è retorica, si sono accorti anche in Spagna che al Cavaliere Oscuro piacciono i colpi ad effetto con i quali vuol far credere di risolvere i problemi.
 
Perchè diciamo la verità: mister B è un imprenditore. E gli imprenditori cosa sanno fare, se non vendere? Ora, non è importante cosa vendi ma come lo vendi, perciò niente dà più ritorno d’immagine che le mosse propagandistiche, come quella di inviare militari in città, perchè in questo modo la gente ha l’impressione che il Governo stia facendo qualcosa per loro.
 
Fa niente che la pensino diversamente in polizia (articolo completo qui):
 
Critici anche i sindacati di polizia. "Per il comparto sicurezza e difesa nel decreto legge 112/2008 non c’è niente – afferma il segretario del Sindacato autonomo di Polizia, Nicola Tanzi – e lo diciamo con una delusione mista a rabbia, perché questo governo ha vinto le elezioni promettendo maggior sicurezza agli italiani e non inutili operazioni di facciata, come l’impiego dei militari". Sulla stessa linea, Claudio Giardullo del Silp-Cgil: "I 62 milioni utilizzati per i soldati sarebbero stati più utilmente impiegati per l’apertura di un commissariato e il potenziamento della stradale". L’appuntamento dei sindacati è per settembre: "Con una mobilitazione via via crescente".
 
Ma ricordate sempre il potere della propaganda.
Poi se al Governo ci sono persone come Maroni, il cui sogno sarebbe vedere le città piene di sceriffi, e un edonista delle mostrine come La Russa, e che te lo dico a fare  (come direbbe Donnie Brasco).
 
Tutto questo fa presagire scenari da militarizzazione, considerando che se le cose per le FdO non cambiano (senza denaro non si cantano messe) si avrà pronti la giustificazione per prolungare la permanenza delle truppe e incrementare il numero degli effettivi impiegati.
 
E’ solo il secondo atto della grandiosa messainscena che mira al controllo sociale, ricordiamo che il primo è stata l’infusione di paura (la paura è il primo mezzo di controllo) nelle menti della gente, montando "il caso" problema sicurezza (a proposito, il signor Castelli che è tanto attento verso i numeri – vedi la polemica sulle statistiche delle morti bianche – nel caso dell’emergenza sicurezza non ricordo sia stato così pronto a smontare le statistiche e a parlare di numeri gonfiati e di manipolazioni).
 
 
 
Per ridere un pò, passiamo a Brunetta, avrete sentito parlare delle sue manovre "vincenti" – pare sia convinto di questo – anti assenteismo.
Ma secondo me l’unico effetto brunetta sarà questo:
 

Image Hosted by ImageShack.us

 

Ah a proposito, l’antiassenteista Brunetta è stato l’europarlamentare con più assenze dal parlamento europeo. E, sempre mentre era parlamentare, ha mantenuto il suo posto da professore all’Università di Tor Vergata: viene da chiedersi come abbia conciliato gli impegni e se non abbia peccato di assenteismo, per lo meno nelle poche volte in cui era presente in parlamento avrà dovuto lasciare la cattedra.

 

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Il militare e la Brunetta

  1. Potresti tradurre l’articolo in spagnolo?
     
    So che è alquanto scontato (il messaggio dell’articolo, intendo), ma sinceramente non mi va’di tradurre mentalmente e alla cazzo di cane, visto che non conosco bene lo spagnolo^^
     
    (Sto delirando, scusa…)

    Mi piace

  2. Ecco la traduzione (in alcuni punti è un pò libera, in ogni caso il senso del discorso è inalterato)
     
    "Dallo scorso lunedi l’esercito sorveglia vari luoghi strategici delle principali città d’Italia, con l’intenzione, secondo le sua autorità, di combattere contro la criminalità e l’immigrazione clandestina. Ambasciate, stazioni ferroviarie e del metrò così come i centri di accoglienza temporanea per clandestini saranno sorvegliati da pattuglie nei prossimi sei mesi a Roma, Milano e altre sette città. In totale, 3.000 soldati sono stati destinati a questo compito. Il provvedimento è uno degli impegni di Berlusconi prima di arrivare al governo in aprile. Anche se è legalmente ineccepibile, perché è stato approvato dal Parlamento a luglio, è piuttosto discutibile per l’immagine del Paese, pone un precedente preoccupante e solleva dubbi sulla sua efficacia. Perchè non dotare le forze dell’ordine di più mezzi materiali e umani, come sostiene con ragionevolezza l’opposizione di sinistra? Che effetto fa vedere un militare armato con una mitraglietta che controlla aree tradizionalmente sorvegliate da polizia e carabinieri? In linea di principio, poco rassicurante. Può intimorire il cittadino in generale o i tanti turisti che visitano l’Italia. La cosa più sorprendente è che non pochi hanno accettato con simpatia l’arrivo delle truppe. Questo ha abbastanza a che fare con la politica demagogica e gestuale del Cavaliere, che pensa che a base di colpi ad effetto e improvvisi può risolvere in maniera veloce problemi nazionali di grande importanza .
    L’insicurezza pubblica e il crimine organizzato sono uno di quei tumori che l’italia – dove precisamente abbonda per le strade la diffusione di uniformi di FdO – si trascina da anni. Nel 1992, le autorità inviarono in Sicilia 7000 soldati per combattere la mafia dopo l’omicidio dei giudici Falcone e Borsellino. Non riuscirono a farla finita con Cosa Nostra. Appena nominato capo del Governo, Berlusconi decise di combattere la crisi provocata dalla mancata raccolta rifiuti a Napoli incrementando la presenza di forze dell’ordine e eventualmente di militari. Ora assicura che il problema è stato risolto: fino a che la prossima crisi non gli dia torto.Ma la cosa più inquietante di questo arrivo dell’esercito nelle strade è che sembra destinato soprattutto alla caccia allo zingaro, all’africano o al rumeno sospetto. Berlusconi ritiene che con la militarizzazione risolve tutto. E non è così."

    Mi piace

Si accettano miagolii

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...